Home»Primo Piano»Un anestesista del CTO di Iglesias nella XXIII spedizione in Antartide

Un anestesista del CTO di Iglesias nella XXIII spedizione in Antartide

da Redazione

0
Shares
Pinterest Google+

Ancora pochi giorni e il Dott. Aldo Clemenza, Anestesista del CTO di Iglesias, inizierà la sua avventura in Antartide. Il 27 dicembre infatti partirà per una missione di un anno al Polo sud, il posto più inospitale del pianeta. Farà parte del team composto da 13 persone, (lui è l’unico medico) della Missionie Winter Over, il Programma ministeriale di ricerca scientifica che si occupa di glaciologia, fisica dell’atmosfera, climatologia e astronomia di una zona “estrema” non per nulla chiamata Marte bianco dove si susseguono 6 mesi di luce e sei di buio completo. Da 1993 esiste un’area di circa 1500 mq dove sorge al base concordia che durante i mesi invernali (le temperature si aggirano intorno ai 90° sotto lo zero) rappresenta il micromondo per i 13 partecipanti alla missione: ovviamente impossibile uscire, totale assenza di radio e tv, connessione internet e telefono riservata agli aspetti scientifici e al lavoro dell’equipe (quindi totalmente interdette per l’utilizzo privato). 

Il suo ruolo
Sarà l’unico medico presente si dovrà occupare di tutte le specialità mediche (infatti in questi mesi si è formato in tal senso) avendo a disposizione un autentico ospedale con sala operatorie e tecnologie di ogni genere. Se fosse necessario dovrà curare anche se stesso.

L’addestramento
Prima della missione è stato affrontato un lungo e durissimo periodo di addestramento tra la sede ENEA di Brasimone e il Monte Bianco per valutare la capacità fisica e psicologica ad affrontare un’esperienza cosi estrema.

Il medico
Si tratta del primo medico in Sardegna (e tra i pochissimi in Italia) selezionato per affrontare un’esperienza “unica”: l’entusiasmo non gli manca, non lo spaventa neanche l’isolamento (gli ospiti della Base Concordia hanno a disposizione biblioteca e vidoteca ricchissime e una palestra attrezzata); solo qualche preoccupazione legata alla mancanza di comunicazione con la famiglia, ma è sicuro di riuscire ad affrontare al meglio questa avventura.

Previous post

Confcommercio Sardegna: piccoli segnali di ripresa ma festività “dimesse”.

Next post

Dedoni: dimensionamento scolastico, si va verso la catastrofe sociale.

No Comment

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.