Home»Economia e Lavoro»SAN SPERATE: INAUGURATA LA SUCCURSALE DI ELICICOLTURA DI CHERASCO

SAN SPERATE: INAUGURATA LA SUCCURSALE DI ELICICOLTURA DI CHERASCO

di Claudio Moica

2
Shares
Pinterest Google+

E’ stata inaugurata durante la conferenza stampa del 21 giugno, presso il T Hotel di Cagliari, la succursale dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco sita a San Sperate in provincia di Cagliari. Presente in sala il capo di Gabinetto dell’assessorato all’Agricoltura e alla Riforma Agro-pastorale della Regione Sardegna, Antonio Biancu che dopo aver ammesso i fallimenti del passato sulla coltura delle chiocciole si augura che questa sia una partenza nuova sotto i migliori auspici di una nuova era votata all’imprenditoria 2.0. Entusiasta il sindaco di San Sperate, Enrico Collu,  che ha ringraziato Simone Sampò (Presidente dell’Associazione Nazionale Elicicoltori) e Simone Davini (Responsabile della succursale) per il coraggio mostrato concretamente nell’investire sulle nuove generazioni e in questo settore promettente dell’agricoltura sarda. Difficoltà ci sono ma con il sostegno delle istituzioni anche il nuovo sogno dell’elicicoltura 2.0 può finalmente prendere il volo. Incoraggiante e passionale il discorso tenuto da Sampò nel ricordare gli esordi della coltura delle chiocciole “Abbiamo rivoluzionato completamente il mondo dell’elicicoltura – spiega il presidente Ane. –Crediamo profondamente che la qualità debba andare di pari passo con la sostenibilità. Abbiamo cercato di essere ancora più vicini ai nostri allevatori e ai futuri associati – prosegue il presidente – proprio per testimoniare come per noi sia importante il rapporto con tutto il territorio italiano. L’elicicoltura non può essere uguale in tutti i luoghi. Cambia il microclima, pertanto ogni condizione è diversa e bisogna adattare l’elicicoltura alla realtà del luogo e – continua Sampò – per troppi anni l’elicicoltura è stata fatta dietro una scrivania. E’ necessario invece scendere negli allevamenti, capire i problemi reali, avere un contatto con gli elicicoltori, fare formazione. E’ un grande traguardo approdare anche in Sardegna ma non ci fermeremo qui perchè sono già in programma le aperture delle Succursali di Puglia, Calabria e Sicilia.” Ha chiuso il ciclo di interventi Simone Davini dell’Azienda Helixarda investito del ruolo di di San Sperate (via Argiolas 14) al fine di agevolare il rapporto sul territorio con gli elicicoltori e con chi vorrà intraprendere questa nuova attività in Sardegna. Emozione e grande impegno per questo neo allevatore sardo:” Da tempo aspettavamo un supporto concreto sul territorio regionale che potesse seguirci nelle prime fasi di attività. Questo per me è un traguardo importantissimo e rappresenta anche una nuova partenza e una nuova avventura.”

La Sardegna risulta essere la regione con il più alto tasso di consumo del mollusco terreste con un produzione interna dell’8 per cento mentre il restante 92% viene importato dal nord africa ed è proprio su questo punto che il Presidente dell’Ane pone il suo obiettivo: raggiungere il 100% di produzione in Sardegna per il fabbisogno interno, praticamente il consumo a km zero.

A ulteriore conferma dell’impegno del Presidente Sampò, sabato 23 giugno presso la Scuola Civica di Musica in Via Sassari 3 a San Sperate (CA) si attendono oltre 130 persone interessate al fenomeno elicicoltura 2.0. Si terrà la Giornata Informativa (gratuita su prenotazione allo 0172 489382) momento fondamentale per avere una panoramica completa sul mondo dell’Elicicoltura Metodo Cherasco.

Previous post

IGLESIAS: USAI "IL LABORATORIO NON CHIUDE. SOLO BUGIE DA CAMPAGNA ELETTORALE."

Next post

CARBONIA: PREMIAZIONI DI STUDENTI E ASSOCIAZIONI PER "LA FESTA DEL PATRIMONIO"

No Comment

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.