Home»Cultura»SA SARTIGLIA: ORISTANO IN FESTA

SA SARTIGLIA: ORISTANO IN FESTA

di Manuela Zurru

3
Shares
Pinterest Google+

Risultati immagini per foto sa sartiglia

Domenica 11 e martedì 13 si corre Sa Sartiglia. La domenica, la giostra, è curata dal Gremio dei Contadini, mentre quella del martedì dal Gremio dei Falegnami. La manifestazione inizia con la vestizione de Su Componidori, ossia il capo corsa che viene scelto dai Gremi, e che è diverso per i due giorni. Finita la vestizione, Su Componidori, sale a cavallo e non può toccare terra fino alla sua svestizione. Egli apre la corsa e si cimenta in una discesa sfrenata al galoppo cercando di infilzare la stella con una spada, sarà poi suo compito scegliere chi potrà fare la discesa alla stella. Su Componidori e su segundu e su terzu (suoi compagni) hanno la possibilità di fare una seconda discesa con una lancia di legno chiamata su Stoccu. Concluse le discese, Su Componidori, a gran galoppo riverso all’indietro sul cavallo benedice la folla, Sa Remada. Finita la corsa alla stella, egli apre le pariglie, dove tre cavalieri si cimentano in veloci acrobazie sui cavalli. Al termine, Su Componidori al galoppo, accompagnato sempre da su segundu e su terzu (suoi compagni), ripercorre la strada riverso sul cavallo benedicendo la folla con Sa Pippia de Maiu, un mazzo di viole mammole. Durante la manifestazione, un ruolo molto importante è dato ai tamburini e trombettieri che hanno il compito di annunciare il via alla corsa. Mentre la mattina accompagnano Su Bandidori a cavallo che legge il bando, invitando la popolazione ad assistere alle corse.

 

Per gli Oristanesi, Sa Sartiglia non è solo corse e stelle, ma momento di socializzazione, divertimento e tripudio di colori, soprattutto dato dalle meravigliose coccarde artigianali che rendono più eleganti i cavalli. Ma per molti è anche rientro a casa.,perché a Sa Sartiglia non si rinuncia, ed è per questo motivo che molti oristanesi migranti, si organizzano per presenziarci. Si inizia la mattina presto con la visita alle scuderie dove spesso viene offerta la vernaccia, un vino bianco molto apprezzato con una storia antica. Infatti il primo cenno storico scritto su questo vino risale al 1327, nel “Breve di Villa di Chiesa” libro di leggi conservato ad Iglesias (https://it.wikipedia.org/wiki/Vernaccia_di_Oristano ).  Si prosegue durante tutto il giorno andando in giro per il centro storico in attesa di sapere quante stelle sono state prese. Infatti più stelle si infilzano più ricco

Risultati immagini per foto sa sartiglia

sarà il raccolto. I bimbi si vestono a maschera e anche gli adulti. La maggior parte degli oristanesi, non assiste personalmente alla corsa della domenica in quanto la cittadina è invasa dai turisti, mentre è più semplice assistere alla corsa di martedì. Alcuni portano con se, una fiaschetta che contiene vernaccia per offrirla a chiunque si incontri per le strade e di solito si riversano in piazza Corrias per fare baldoria.

Qui di seguito il programma de Sa Satiglia 2018 preso dal sito http://www.sartiglia.info/programma

Programma

Domenica 11 febbraio – Sartiglia del Gremio dei Contadini

Martedì 13 febbraio – Sartiglia del Gremio dei Falegnami

ORE 10 – BANDO
Di primo mattino, il gruppo dei tamburini e dei trombettieri partendo dalla piazza Eleonora d’Arborea, davanti al Palazzo del Comune, scorta un araldo a cavallo che nelle vie del centro storico, da lettura del Bando della Sartiglia, invitando il popolo ad assistere alla giostra equestre.

 

ORE 11 – ANNULLO POSTALE
Apertura Ufficio Postale con Annullo Postale Speciale. Uno sportello filatelico straordinario, a cura di Poste Italiane, annullerà tutta la corrispondenza con gli annulli figurati speciali predisposti per celebrare la Sartiglia. Inoltre sarà predisposto un Folder filatelico che conterrà le cartoline affrancate e annullate e i dati salienti della Sartiglia.

 

ORE 12 – VESTIZIONE
– Domenica, vestizione de su Componidori nella sede del Gremio dei Contadini in via Aristana.
– Martedì, vestizione de su Componidori nello spazio allestito dal Gremio dei Falegnami.

La mattina della corsa, su Componidori (il capocorsa), dopo la visita alle scuderie per salutare gli amici e cavalieri, si reca presso la casa del presidente del gremio da dove verso le 11 parte il corteo verso la sede dove avverrà la Vestizione. Il gruppo dei tamburini e trombettieri, apre il corteo composto da is massaieddas e da sa massaia manna, che portano con dei cestini gli abiti per la vestizione de su Componidori, seguono i componenti del gremio, che custodiscono le spade e gli stocchi per la corsa e su Componidori. Terminata la vestizione, dal tavolo dove è stato vestito, su Componidori monta sul cavallo. In quel momento il presidente del gremio gli consegna sa Pippia de Maiu con la quale saluta, cn segni di benedizione, il presidente del gremio e tutti i presenti. Su Componidori si porta quindi verso l’uscita e riverso sul cavallo esce dalla sede del gremio. Alla Vestizione si accede tramite inviti la cui distribuzione è a cura dei Gremi che la organizzano. Sarà trasmessa in diretta sul maxi schermo presente in piazza Eleonora d’Arborea.

 

ORE 13,15 – CORTEO
Al termine della cerimonia della Vestizione, il corteo dei 120 cavalieri guidato da su Componidori e preceduto dai trombettieri e tamburini, massaieddas e dal gremio, si dirige verso il percorso di via Duomo nel quale si svolgerà la Corsa alla Stella.

 

ORE 13,30 circa – CORSA ALLA STELLA
Con il triplice incrocio di spade tra su Componidori e il suo secondo che si svolge sotto il nastro verde che sostiene la stella, al ritmo dei tamburi, ha inizio la corsa.
La prima discesa spetta a su Componidori, a seguire i sui compagni di pariglia, la pariglia de su componidori della Sartiglia del martedì e tutti i cavalieri a cui concederà l’onore della spada.
Seguiranno le discese con lo stocco e sa Remada.
Da quel momento si ricompone il corteo dei cavalieri che ripercorrendo la via Duomo e passando dal corso Umberto e dalla piazza Roma, si dirige verso la via Mazzini, teatro dove si svolgeranno le Pariglie.

 

ORE 16,30 circa – CORSA DELLE PARIGLIE
Da Su Brocci”, il piccolo tunnel che si immette nella via Mazzini, prendono il via le spericolate acrobazie dei cavalieri. Su questo percorso, secondo l’ordine di sfilata, tutte le pariglie partecipanti potranno cimentarsi nelle evoluzioni. Apre e chiude la corsa delle Pariglie la pariglia de su Componidori.
ORE 18,30 – SVESTIZIONE
– Domenica, Svestizione de su Componidori nella sede del Gremio dei Contadini.
– Martedì, Svestizione de su Componidori nella sede del Gremio dei Falegnami.

Al termine della corsa delle pariglie il corteo si ricompone e ritorna sul percorso della via Mazzini. Ormai all’imbrunire, la sfilata dei cavalli e dei cavalieri segna la fine della corsa. Al termine della sfilata il corteo formato dai trombettieri, dai tamburini, dal gremio e dai cavalieri, si dirige alla volta della sede del gremio dove è avvenuta la vestizione de su Componidori per procedere con la Svestizione. Levati il cilindro e il velo, lo straordinario rullo dei tamburi segna il momento in cui viene tolta la maschera. Da quel momento il gremio, i cavalieri e tutti i presenti si recano da lui per salutarlo e congratularsi. L’ingresso alla Svestizione è libero.

n.b.: le immagini sono state reperite sul web

Previous post

PORTOVESME: 243 MILIONI DALLE AZIENDE PER BONIFICARE SUOLI E ACQUA. "UN CASO VIRTUOSO MERITEVOLE DI ESSERE ESPORTATO"

Next post

IGLESIAS, MANCATO STOP PROVOCA URTO VIOLENTO TRA DUE AUTO

No Comment

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.