Home»Economia e Lavoro»PORTOVESME: RUBIU ” A RISCHIO CHIUSURA LA CENTRALE ELETTRICA”

PORTOVESME: RUBIU ” A RISCHIO CHIUSURA LA CENTRALE ELETTRICA”

da Redazione

4
Shares
Pinterest Google+

Una nuova strategia per il settore energetico del Sulcis Iglesiente. Il ridimensionamento deciso dall’Enel in Sardegna, con la chiusura della direzione di Cagliari e dell’unità operativa di Macomer, lascia presagire un futuro incerto anche per la centrale “Grazia Deledda” del polo di Portovesme. Una denuncia sollevata dal capogruppo in Consiglio regionale dell’Udc Gianluigi Rubiu, che mette in guardia su possibili ricadute negative sull’occupazione: <<Sono in gioco circa 500 di posti di lavoro – spiega il rappresentante dei moderati nell’aula di via Roma – La situazione è simile ad un castello di carte in precario equilibrio che può crollare da un momento all’altro>>. Ecco perché per Rubiu <<occorre una pianificazione seria da parte dell’Enel, con una politica energetica che guardi al futuro, e non solo ai dividendi degli azionisti, che abbia come fulcro la sinergia con gli altri stabilimenti presenti nell’area industriale del Sulcis Iglesiente, ma anche quelli che sorgeranno con nuove iniziative imprenditoriali>>. Il timore che l’Enel possa smantellare i propri impianti aumentano: <<In questa logica la Regione non è mai riuscita ad avere un peso significativo in ambito nazionale, riducendosi per l’indole dei suoi politici a ratificare quanto deciso in sedi non istituzionali e sempre esterne all’Isola medesima – conclude Rubiu – Auspichiamo un cambiamento radicale nei confronti del Governo, con l’apertura di un tavolo istituzionale per esorcizzare l’abbandono dell’Isola da parte dell’Enel, con impatti pesantissimi sull’economia del territorio. La Sardegna, come altre aziende sembra abbiano compreso, costituisce il naturale laboratorio di sperimentazione tecnologica grazie alle sue caratteristiche congiunturali, uniche in ambito europeo. L’Enel dovrebbe investire nell’ambito della ricerca e dello sviluppo delle smart grid in Sardegna, fino a realizzare un centro pilota internazionale in cooperazione con le Università isolane, sul piano progettuale e della realizzazione>>.

Previous post

PORTOSCUSO: 30 BAMBINI ALLA "PICCOLA SCUOLA ALBERGHIERA"

Next post

SANT'ANTIOCO: IL 10 AGOSTO RITORNA "CALICI DI STELLE"

No Comment

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.