Home»Cultura»GIOVANNI CARTA ALLA PINACOTECA DI ORISTANO CON “FIAT LUX”

GIOVANNI CARTA ALLA PINACOTECA DI ORISTANO CON “FIAT LUX”

Giacomo De Molai

3
Shares
Pinterest Google+

Il prossimo 14 Ottobre, presso la pinacoteca comunale Carlo Contini di Oristano, aprirà la mostra dell’artista algherese Giovanni Carta. Dopo quasi quarant’anni di assenza dal capoluogo sardo, l’artista nato in Corsica, sarà protagonista di una personale che andrà a ripercorrere alcune delle principali fasi del suo percorso culturale. Lungo le sale della pinacoteca C.Contini, si potranno ammirare le numerose opere d’arte, alcune inedite, alla scoperta del linguaggio artistico capace di coniugare sintesi e forza nello stesso spazio. I colori, le linee, il nero e la tridimensionalità si trasformano in vero e proprio veicolo per comprendere l’arte, ogni possibile forma quindi lascia il posto al puro segno grafico; il colore e le rette, invece, appaiono quasi come linee del tempo dove ogni punto segna le tappe di un’indagine artistica lunga una vita.
Si parte dagli anni settanta, dove la sperimentazione prende una piega inaspettata perché si affaccia ad infinite soluzioni artistiche, per finire ai nostri giorni, quando tutto diventa solido, tridimensionale: la tela, ormai, non trattiene più il segno grafico e diventa elemento fisico che varca il confine della superficie pittorica. “La produzione più recente di Giovanni Carta indaga la terza dimensione e disgrega le costrizioni del piano inserendo elementi in rilievo che emergono dalla superficie” sostiene Annarita Punzo, uno dei curatori della mostra. Le tele non sono le uniche protagoniste di questa mostra. Tra gli oltre 60 pezzi esposti ci sono le terre allo stato grezzo, che rappresentano la materia prima di essere trasformata in elemento artistico che ricopre la tela; scorgiamo alcuni taccuini dove il maestro algherese prendeva appunti, mettendo nero su bianco il suo continuo spaziare nell’arte astratta. Infine, alcuni bozzetti, frammenti di tela adoperati per realizzare in piccolo quello che poi sarebbe diventata l’opera finale, veri e propri frammenti d’arte che compongono il puzzle artistico del suo essere pittore.
Fiat Lux” è il titolo della mostra, curata da Ivo Serafino Fenu, Marco Loi e Annarita Punzo, prodotta dal Comune di Oristano – Assessorato alla Cultura — col contributo della Fondazione di Sardegna e in collaborazione con la Fondazione Sa Sartiglia. Fino al 14 Dicembre sarà possibile visitare l’esposizione tutti i giorni, 10.30/13.00 – 16.30/19.30.

Previous post

FIRENZE: GLI OTTOVOLANTI PORTANO IN SCENA "BENVENUTI A FOLLIS". ORGANIZZA ACSIT

Next post

IL 15 OTTOBRE SOS SARDEGNA INDICE "LA GIORNATA DELL'INDIGNAZIONE"

No Comment

Leave a reply