Home»Economia e Lavoro»EX ATI IFRAS: VERSO ASSUNZIONE DI 150 LAVORATORI DA PARCO GEOMINERARIO E MONTE ARCI

EX ATI IFRAS: VERSO ASSUNZIONE DI 150 LAVORATORI DA PARCO GEOMINERARIO E MONTE ARCI

da Redazione

2
Shares
Pinterest Google+

La Giunta ha approvato i progetti dell’ente Parco Geominerario e del Consorzio Monte Arci che consentono di completare il quadro delle assunzioni dei lavoratori provenienti dal bacino Ex Ati Ifras.
Il Parco Geominerario darà corso alle assunzioni a tempo determinato di 121 persone. Altri 29 lavoratori verranno inseriti negli organici del Consorzio Monte Arci. Ora l’Aspal dovrà sottoscrivere l’accordo procedimentale con i soggetti pubblici interessati per definire le modalità di esecuzione dei progetti.
La legge n. 34 del 2016 prevede un intervento, a regia regionale, per la salvaguardia dei livelli occupazionali in attesa che produca i suoi effetti il bando per la gara internazionale finalizzata all’affidamento della gestione di tutte le attività del Parco Geominerario storico e ambientale della Sardegna.
Tutti gli aspetti dell’intervento sono stati messi a punto in questi mesi dal Tavolo parternariale, coordinato dall’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu, e a cui hanno partecipato rappresentanti di tutte le organizzazioni sindacali e gli enti e le strutture regionali con specifiche competenze.
Erriu. “Con questa delibera – dichiara l’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu – si conclude il lungo percorso avviato dalla Giunta Pigliaru per dare una risposta a numerosi lavoratori del comparto Ati-Ifras, con l’avvio di progetti che ricadono per lo più nell’area del Parco Geominerario che, come è noto, si estende in buona parte del territorio regionale. Un percorso non senza difficoltà ma che, grazie alla sinergia di vari interlocutori e enti coinvolti, siamo riusciti a concludere. I nuovi progetti inseriti nel catalogo consentiranno di offrire un ristoro alle tante famiglie coinvolte”.
Spanu. “Abbiamo lavorato – sottolinea l’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu – per delineare nuove prospettive per i lavoratori provenienti dal bacino Ex Ati Ifras. Il Tavolo partenariale, con modalità operative che costituiscono un modello per il futuro, ha fatto la sua parte con grande spirito costruttivo e di grande collaborazione. Voglio ringraziare, in particolare, i comuni e gli enti che hanno presentato progetti di grande utilità sociale e culturale. Ora la nostra attenzione è rivolta all’individuazione, attraverso il nuovo bando internazionale, di soluzioni più durature e stabili per i lavoratori”.
Mura. “Prosegue l’attività della Regione – osserva l’assessora del Lavoro, Virginia Mura – per soddisfare la richiesta di occupazione di numerosi lavoratori dell’area del Parco Geominerario. Il nostro impegno, da tempo, è rivolto in quella direzione e ormai siamo prossimi all’obiettivo”.

Previous post

CARBONIA: A IS SERAFINIS CERIMONIA DI COMMEMORAZIONE DELLA TRAGEDIA DELL'ERLAAS

Next post

AIAS: "LA COMMISSIONE SANITA' E BILANCIO AFFERMA LA MANCANZA DI COPERTURA DI CASSA DELLE QUOTE SOCIALI"

No Comment

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.