Home»Sulcis Iglesiente»CARBONIA: PROROGA DI UN ANNO PER 5 LSU

CARBONIA: PROROGA DI UN ANNO PER 5 LSU

da Redazione

5
Shares
Pinterest Google+

Prorogato di un altro anno il contratto a 5 lavoratori socialmente utili del comune di Carbonia ne da notizia la stessa Paola Massidda che dichiara “Siamo lieti di annunciare un’altra notizia positiva sul fronte occupazionale. Dopo la stabilizzazione di 10 operatori, assunti a tempo indeterminato dal Comune di Carbonia il 27 Dicembre scorso, nella giornata di ieri – martedì 9 Gennaio – abbiamo prorogato di un anno il contratto di altri 5 lavoratori socialmente utili“. Il comune minerario aveva già assunto a tempo indeterminato 10 Lsu, su un bacino complessivo di 11 lavoratori stabilizzati in tutta la Sardegna, stabilizzando il 90% del totale degli Lsu assunti a tempo indeterminato dai Comuni di tutta la regione. L’assessore al Personale Paola Argiolas, che ha seguito da vicino la vicenda dei lavoratori socialmente utili, spiega come si è giunti a questo traguardo: “la legge di Bilancio dello Stato per il 2018 ha previsto la proroga delle convenzioni per l’utilizzazione dei lavoratori impiegati in attività socialmente utili. Pertanto, gli uffici comunali, rispettando le linee guida esplicitate nella convenzione firmata dal ministero del Lavoro e dalla Regione Sardegna, si sono immediatamente attivati per predisporre tutta la documentazione e, nella giornata di ieri, martedì 9 Gennaio, la Giunta comunale ha approvato la delibera che ratifica il riavvio delle attività socialmente utili promosse dal Comune di Carbonia per il 2018. Siamo felici quindi di poter prorogare di un anno i contratti di lavoro di 5 lavoratori socialmente utili, dopo averne stabilizzato 10 a fine 2017“.  I 5 lavoratori socialmente utili assunti dal Comune di Carbonia saranno operativi a tempo pieno, con un contratto di 36 ore settimanali.

Previous post

MILANO: LA FASI CELEBRA I 90 ANNI DEL NOBEL A GRAZIA DELEDDA

Next post

OPERAZIONE ANTIDROGA DELLA GDF A CAGLIARI, IGLESIAS E CAPOTERRA

No Comment

Leave a reply